Home  |  Contatti  |  Link  |  Informazioni     
Profilo storico
Prefetture e città
Parchi nazionali
Arte e cultura
Usi e costumi
Arti marziali

JAPAN FLASH
I festival della neve si svolgono in inverno nelle zone più fredde del paese. Rinomato quello di Sapporo, che ha luogo dal 1950 nella prima settimana di febbraio. Nel corso del festival vengono esposte centinaia di statute di ghiaccio nel parco di Odori-koen, un viale che taglia in due orizzontalmente il centro cittadino.

Prefetture e città



:: Le prefetture

Il territorio del Giappone è suddiviso in 47 prefetture: una grande metropoli, Tokyo (To); un circuito, l'isola di Hokkaido (Do); due amministrazioni urbane, Osaka e Kyoto (Fu); altre 43 prefetture ordinarie (Ken). Tale organizzazione è frutto dell'evoluzione del sistema amministrativo nel corso della storia, a cominciare dai primissimi provvedimenti del periodo Edo, passando per l'era Meji e l'apertura all'Occidente, fino alla recentissima riforma promossa non più tardi dell'inizio del Duemila.

In virtù della vigente Legge sulle autonomie locali, ogni prefettura è suddivisa in città (shi), distretti (gun) e villaggi (son), e a sua volta rientra nell'ambito di un sistema di stati regionali più grandi, dotati di maggiori poteri amministrativi.


:: Tokyo

È la capitale politica ed economica dello stato. Con 2.187 chilometri quadrati e una popolazione di oltre 12 milioni di abitanti tra il centro e l'hinterland, Tokyo si presenta come una delle megalopoli più estese del pianeta. Diversamente dalle altre città storiche, il suo volto è caratterizzato da numerosi elementi di modernità, quali grattacieli, cavalcavia, strutture avveniristiche in cemento e vetro. Non mancano, tuttavia, richiami allo stile classico, come testimoniano il grande Palazzo imperiale e alcuni importanti templi buddisti e shintoisti.

Il centro culturale della city si trova nei quartieri di Ueno e Asakusa, nella zona a nord-est. Nel parco di Ueno sorgono il Museo nazionale dell'Arte e quello delle Scienze, nonché il giardino zoologico, divenuto celebre in passato per la presenza dei panda giganti. Ad Asakusa è sito il monumentale tempio Kannon, il luogo di culto dedicato alla dea della misericordia. Proprio all'interno del santuario si celebrano annualmente alcuni dei principali festival nazionali, tra cui il Setsubun, il Kinryu-no-Mai (la "Danza del Dragone d'oro") e lo Shirasagi-no-Mai (la "Danza della Gru bianca").

Gli edifici governativi e il Palazzo della Dieta si trovano ad Asakasa, a sud-ovest del Palazzo imperiale. I quartieri più alla moda sono, invece, Ginza e Harajuku. Il primo è ricco di boutiques e grandi magazzini. Il secondo è il centro della moda giovanile. In quest'ultimo sorge anche lo splendido Santuario Meji, un tempio shintoista eretto in memoria dell'omonimo imperatore, immerso in uno dei parchi più suggestivi della capitale.


:: Osaka

Il principale porto giapponese e un importante centro commerciale e finanziario. Si tratta di una città molto affollata, per certi versi anche piuttosto caotica, nella quale convivono edifici commerciali e templi shintoisti, grattacieli e case tradizionali.

Tra i luoghi di maggiore interesse, il teatro nazionale di bunraku e, soprattutto, il Castello di Osaka, per secoli residenza degli shogun della famiglia Tokugawa, oggi sede permanente di un museo dedicato alla città durante i fasti dell'epoca feudale.


:: Kobe

A pochi chilometri di distanza da Osaka, Kobe fu tra i primi porti ad aprirsi al commercio con l'Occidente dopo la restaurazione dell'imperatore Meji, divenendo in poco tempo un importante centro cosmopolita. La storia recente della città fu segnata in maniera indelebile dal devastante terremoto del 17 gennaio 1995, che portò al crollo della quasi totalità delle abitazioni in legno, con un bilancio finale di 5.000 vittime e 310.000 sfollati.

Attualmente Kobe presenta un volto del tutto rinnovato, moderno e funzionale. I nomi delle vie presentano persino la doppia denominazione in giapponese e in inglese. Tra i luoghi più apprezzati dai turisti, il Museo della città, ricco di stampe e illustrazioni che ripercorrono l'influsso dei gusti occidentali sui costumi nipponici.


:: Nara

Fu l'antica capitale dell'impero tra il 710 e il 794 d.C., il primo grande centro politico e culturale. Pur essendo relativamente piccola in quanto ad estensione, al suo interno è possibile ammirare numerosi esempi di opere architettoniche, a cominciare dagli splendidi templi Horyuji, Kofukuji, Todaiji e Toshodaiji.

Il tempio Todaiji fu eretto nel 745 all'interno del Parco di Nara. L'edificio centrale del complesso è il Daibutsuden, un gigantesco palazzo in legno, nel quale primeggia la figura del Grande Buddha, una statua di bronzo alta ben 16 metri e pesante circa 750 tonnellate. Solo per la realizzazione di quest'ultima furono necessari oltre cinque anni di lavoro.


:: Kyoto

Fondata nel 794 d.C., per secoli è stata il vero e proprio cuore pulsante del paese. Ancor oggi Kyoto è considerata la capitale della tradizione e della cultura del Sol Levante, come testimoniano i numerosi luoghi di culto (si contano circa 2.000 tra templi e santuari) e le diverse residenze imperiali presenti sul suo territorio.

La pianta originale della città fu modellata ad immagine e somiglianza dell'antica capitale cinese di Changan ed era delimitata su tre lati dalle montagne circostanti. Di esse, la più nota è il Monte Hiei, nell'area nord-est. Coi suoi 850 metri di altezza, è sede del complesso templare di Enryakuji, in passato il più importante monastero buddista di tutto il Giappone.

Altri luoghi di notevole valenza storica e architettonica sono il tempio Kiyomizudera (anche detto tempio dell'Acqua Limpida, per via della sorgente curativa che sgorga dal suo interno), il famoso santuario shintoista Heian e il Palazzo imperiale di Kyoto, utilizzato da ogni nuovo regnante per la cerimonia di ascensione al trono.


:: Fukuoka

È la maggiore tra le città dell'isola di Kyushu. Si tratta di un centro commerciale molto attivo, dotato di ottimi collegamenti con tutto il resto del paese, grazie alle ottime linee ferroviarie veloci, all'aeroporto e al porto di Hakata. Nonostante la sua notevole modernità, Fukuoka mantiene anche un rassicurante volto tradizionale, incarnato dalla famose bancarelle alimentari che di notte costeggiano i marciapiedi della Shunko-bashi Street.

Il grande castello all'interno del Parco Ohri-koen rappresenta il fulcro storico e culturale di Fukuoka, assieme al tempio Shofokuji, con tutta probabilità il più risalente tra tutti i luoghi di culto zen del paese, oggi visitato soprattutto per via della sua antica campana di bronzo.


:: Sapporo

Con poco meno di due milioni di abitanti, è il centro maggiore dell'isola di Hokkaido. Si tratta di una città molto recente, dacché l'inizio della sua costruzione risale appena al 1871. In precedenza Sapporo non era altro che un semplice villaggio abitato da gruppi di Ainu, una popolazione di origine siberiana.

Il simbolo di Sapporo è la Torre dell'Orologio, realizzata nel 1878 e ora parte integrante dell'Università dell'Hokkaido. Al di là dei numerosi parchi, tra cui il Nakajima-koen, sono da segnalare il quartiere Susukino, noto per la vita notturna, e il Museo della Birra.

Made in Japan - Una guida agli usi e costumi del Sol Levante - Informazioni generali - Mappa del sito
All rights reserved - Designed by GRAPHIX76